Forze dell'Ordine Italiane... parliamone

Le Forze dell'Ordine Italiane Polizia & Carabinieri: un Forum dove si esprimono opinioni personali e dove si possono raccontare fatti realmente accaduti che ci hanno fatto piacere o che ci hanno fatto arrabbiare relativi agli Agenti delle Forze Armate


You are not connected. Please login or register

PROPOSTA: per Ridurre le Stragi sulle Strade, diamo Accesso Libero agli Autodromi

View previous topic View next topic Go down  Message [Page 1 of 1]

QUESTA LETTERA E` STATA INVIATA ALLA REDAZIONE DI "GAZZETTINO.IT" CHE LA HA PUBBLICATA IL 07 LUGLIO 2010
" http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=109818&sez=NORDEST "


SALVE
ogni giorno sentiamo notizie di Morti sulle strade, chi in Moto chi in Auto, gente che si ammazza in vari modi.
Premesso che gli Incidenti sono cose che purtroppo succedono e sono inevitabili in quanto noi esseri Umani siamo creature che commettono errori e purtroppo gli errori la Strada non li perdona, mettendo anche da parte il Grossissimo problema di coloro che si ubriacano e si drogano e poi si mettono alla guida del loro Veicolo in condizioni psicofisiche del tutto inadeguate alla guida e contro cui sarebbe meglio trovare un sistema diverso per i controlli rispetto a quello attualmente applicato (penso che il sistema Americano sia ben migliore, potete leggere un post su come gestiscono l'Ebrezza in America al seguente link: " http://fdoitaliane.forumotion.net/paragoni-la-polizia-di-paesi-stranieri-parliamone-qui-f5/america-alcohol-i-limiti-i-tasso-alcolemico-alla-guida-e-relativi-test-t25.htm ") cio` di cui vorrei parlare io non e` questo, bensi` il problema in Italia che molti appassionati sentono il bisogno di correre e finiscono col farlo sulle strade.

In Italia sono presenti tra la migliori case Automobilistiche di Auto Sportive (Ferrari, Lamborghini, Maserati, Pagani, Bugatti ed anche la strana Covini) ed anche Moto sportive (Ducati, Aprilia, MV Agusta) e con esse abbiamo visto vari campioni vincere... insomma, le corse ce le abbiamo un po' nel sangue, e sappiamo che gli appassionati non riescono a resistere alla tentazione di una corsetta completa di qualche curva al limite dell'aderenza.

Per gli appassionati e` un bisogno fisiologico quello di sfogare la loro necessita` di Velocita` di tanto in tanto, io stesso se non mi sfogo a correre periodicamente, divento nervoso ed anche la mia guida quotidiana in Auto lo diventa, ma una bella accellerata, un allungo sentendo il Motore che va su di giri mentre inizi una Curva e senti la forza centrifuga che ti spinge verso l'esterno mentre la coppia motrice ti schiaccia il corpo sullo schienale del sedile, ed un brivido parte dalle mani fisse al volante e sale lungo le braccia fino ad arrivare al cuore, poi senti le Gomme che iniziano a stridere perche` l'Auto sta giungendo al limite di quella che ne e` l'aderenza... a me queste cosa, da grande appassionato di Motori, sono sensazioni a cui non si riesco a rinunciare; il Brivido ad Alta Velocita` e` la droga peggiore che esista, se la provi, non riesci piu` a farne a meno!

In molti paesi del mondo questo problema non esiste troppo perche` la legge garantisce dei luoghi in cui poter andare a sfogare questi bisogni: in Germania ad esempio c'e` la Autobahn dove si puo` correre senza limite, senza citare il fatto che si puo` accedere al famoso autodromo del Nurburgring lungo 27 Km pagando appena 10Euro ad un casello Automatico, e si entra a farsi un giro... beh, se per 10 Euro puoi farti una corsa di 27Km sulle curve del Nurburgring, chi te lo fa fare di andare a correre per strada?

l'Inghilterra e` andata molto avanti con queste leggi, ed hanno fatto una norma che IMPONE a tutti gli Autodromi di offrire un Giorno del WeekEnd al Mese accesso a 25 Sterline anziche` alla normale rata e questo sta diventando anche una attivita` per famiglie che si ritrovano alle Piste a correre con le loro Auto, sportive o non che siano.

Io vivo in America da svariati anni, e sono un appassionato Motociclista quindi me ne andavo sempre in giro per la strada con la mia Ducati Monster, fino a che un giorno, mentre andavo in giro, passai accanto ad un Autodromo dove vidi delle Moto che giravano... incuriosito mi fermai a guardare, notai che non erano professionisti, quindi mi avvicinai al cancello e chiesi chi correva.. la risposta fu che potevo andare a correre anche io, siccome era gia` passato mezzo giorno, mi avrebbero fatto pagare la Meta`, ossia 45 Dollari per accedere, pero` dovevo togliere i Fanali alla Moto e l'Antigelo dal Radiatore per sostituirlo ad Acqua... insomma in quel momento la Moto non era omologata ad andare in Pista, ma devo dire che il gestore dell'Autodromo si era offerto ad aiutarmi con i suoi attrezzi per sistemarla.
Lasciai perdere per quel giorno, tornai a casa, ne parlai con mio Padre, anche lui appassionatissimo di Moto, e tornammo 2 settimane dopo con le Moto caricate su un piccolo rimorchio... da allora, ho smesso di andare per strada, ho tolto la targa, ho cancellato l'assicurazione, sia io che mio Padre andiamo almeno 1 WeekEnd al mese a correre in una delle varie Piste che abbiamo a disposizione a poche ore di guida da casa (poche ore qui in America vuol dire meno di 6).
Il Prezzo per farsi un Intero WeekEnd in Pista?
Dipende dalla Pista e da chi organizza la giornata, diciamo che mediamente una Giornata singola in Pista costa tra i $100 ed i 120Dollari a volte anche $90 per le giornate non organizzate da un Club, il prezzo sale fino a $150 per le organizzazioni che fanno scuola per i Piloti inesperti.
Per passare l'intero WeekEnd, ossia 2 giorni in Pista, di norma ci sono delle offerte sconto e di solito si riescono a passare il Sabato e la Domenica in Pista con circa 200 Dollari, talvolta anche meno.
Normalmente nelle Giornate organizzate, sia per Moto che per Auto, i Piloti vengono divisi in 3 Gruppi: Novizi, Intermedi, Avanzati, e ciascun gruppo corre a turno per 20 minuti a si va avanti a rotazione per tutta la giornata dalle 9 del mattino alle 6 di sera... fidati, quando ti sei fatto 7-8 sessioni di 20minuti di corse in Pista, sei sfinito!
Se vuoi correre in una Giornata non organizzata, dove si corre in Pista a turni di 30 minuti tra Auto e Moto il prezzo scende a 50-90 Dollari... un'inezia, ma io preferisco le giornate organizzate a 3 gruppi perche` non mi piace trovarmi a correre con gente inesperta che magari ti taglia la strada perche` non sa la giusta traiettoria.

Ora, senza considerare che il Dollaro vale meno dell'Euro, con 200Euro quanto si riesce ad andare in Pista in Italia?
A detta di qualcuno che ci e` stato, quando ti va bene, ti permettono di accederci per un pomeriggio... io qui in America con quella cifra mi faccio tutto il Sabato e tutta la Domenica.
BEH... caso chi me lo fa fare di andare per correre per strada?

Certo, qui in America non mettono sbandieratori lungo la Pista, tantomeno leoni della CEA, quando si va in Pista la Pista e` gestita da 3 persone: una persona che da il via alle sessioni con una Bandiera dalla Corsia Box e da la Bandiera a scacchi sulla Pista per avvisare chi sta correndo che la sessione e` finita, un medico che sta ai Box ed un guidatore di un PickUp con rimorchio per recuperare le Moto incidentate.

Quando avviene un incidente, sta all'intelligenza dei Piloti alzare una mano e rientrare ai Box per avvisare lo Sbandieratore di dare la Bandiera Rossa per femrare subito la sessione perche` qualcuno e` caduto in curva 4 ad esempio... il Medico parte con la sua Auto verso la curva in questione ed il PickUp parte a sua volta per andare a recuperare eventuali pezzi e la Moto stessa.

Qual'ora lo ritenga necessario, il medico puo` decidere di chiamare i soccorsi che, come si sa, qui in America arrivano in meno di 5 minuti.

Il tutto e` fatto grazie ad una delibera: quando si va a correre in Pista qui in America, si firma una delibera con cui si toglie ogni responsabilita` dall'Autodromo, anche in caso di Morte o incidente fra corridori, non ci si puo` fare cause, si corre a proprio rischio e pericolo e l'assicurazione non copre nessuno in caso di incidente fra 2 o piu` veicoli.

Ora ditemi voi, anche se in Pista non sono assicurato, perche` mai vorrei preferire andare per strada?
Li` saro` anche assicurato, ma se cado mi posso scontrare con un GuardRail che mi taglia a pezzi, o se sono fortunato sbatto sul muso di un'Automobile anziche` spezzarmi in 2 contro un Albero, o magari vengo investito da un Camion... in Pista se cado, so di avere a disposizione ampie vie di fuga dove scivolare, morbida sabbia dove la mia corsa sara` rallentata ed infine pile di Gomme che sono ben piu` morbide di un eventuale Muro contro cui finirei con lo sbattere per strada... insomma, la possibilita` di ammazzarsi correndo in Pista, anche senza commissari di percorso lungo il tracciato, e` sempre piu` bassa che per la strada.
Mi farebbe piacere avere i Leoni della CEA Lungo il Percorso, ma se questi mi devono costare un patrimonio, allora tanto vale che li tolga e faccia affidamento sulle vie di fuga che sono la sicurezza primaria che la strada non offre.

Io mi sento cosi` piu` sicuro a correre in Pista, anche senza commissari di percorso, che da quando vivo in America ed ho iniziato ad andarci, corro solo la` e quando ci vado, mi sento piu` tranquillo e con la Macchina vado tranquillo per strada per un bel po' di tempo dopo che mi sono sfogato in Pista.
Quando vivevo in Italia invece, non potendomi permettere le cifre esorbitanti degli Autodromi, e tantomeno una Moto, andavo con la Macchina a correre su stradine isolate nelle Campagne dove potevo correre senza il rischio di coinvolgere qualcuno in un mio eventuale incidente e qual'ora avessi commesso un incidente le uniche potenziali vittime, oltre alle coltivazioni della zona, sarei potuto essere solo io.

Non concordo con coloro che corrono su strade trafficate o in zone abitate, tuttavia capisco chi preso dalla necessita` di sfogare il proprio bisogno di Velocita`, si mette a correre per strada perche` non ce la fa piu`...

~~~
LA PROPOSTA:
imporre per legge ai gestori degli Autodromi di offrire l'Accesso Gratuito alla Pista almeno 1 Giorno la Settimana, oppure calmierare il prezzo di accesso alla Pista ad un ammontare che sia accessibile a tutti, anche per un breve periodo di tempo... penso che 10 Euro per 30 Minuti sia una cifra del tutto consona.
~~~

Se in Italia venisse dato acceso a buon prezzo agli Autodromi... esempio potrebe essere 10 Euro per 30 minuti (piu` o meno il prezzo per fare un giro del Nurburgring vito che ci vuole mezz'ora a fare un giro li`) o dare un accesso giornaliero a MENO di 100 Euro, sono convinto che molti appassionati, anziche` andare a correre sulle strade provocando incidenti talvolta pazzeschi in cui coinvolgono altri utenti della strada, andrebbero a correre in Autodromo dove sanno che la loro stessa incolumita` e` ben piu` sicura del correre per strada.

Ma quando questi sanno che solo chi si puo` permettere una Ferrari puo` andare in Pista, allora la Pista se la dovranno creare da soli, e l'unica cosa rimasta sono le strade, ed a differenza della Pista, la Strada non perdona gli errori, quando esci di strada, non hai nessuna via di fuga a permetterti di rallentare la corsa tantomeno la tua corsa andra a fermarsi non su delle protezioni morbide, ma bensi` contro qualcosa di solido che indubbiamente ti fara` male!
SALUTI



Last edited by CrazySte on Wed Aug 31, 2011 9:24 am; edited 1 time in total

View user profile http://fdoitaliane.forumotion.net
SALVE A TUTTI
come indicato nel Post, questa proposta e` stata mandata sotto forma di lettera lla redazione del quotidiano "Gazzettino.it" e nel sito e` possibile lasciare commenti sotto alle lettere.

In totale sono stati lasciati 36 Commenti da 14 persone diverse includendo il sottoscritto.
Se escludo me stesso, ossia CrazySte, rimangono 13 persone e questi sono stati i commenti positivi e negativi lasciati:


'BLAST 04' (favorevole)
NIENTE DI PIU` GIUSTO
" infatti con la nostra politica rjeka in slovenia si lecca i baffi e spera di riderci dietro ancora per diversi anni.... poveri noi"
~~~

'MAURO' (favorevole)
INFATTI
" rijeka è l'unico circuito accessibile come prezzi (sui 100 € per una giornata, in Italia siamo sui 250/300) senza contare il prezzo della benzina leggermente più basso e minore spese per mangiare... si dovrebbe abbassare il prezzo in Italia delle piste, a questo proposito ho firmato qualche petizione ma finora nulla, troppi interessi, i gestori degli autodromi in Italia si giustificano dicendo che la pista ha costi di gestione elevati, è vero ma qualcosa si può abbassare, certe proposte dovrebbero arrivare anche dalle istituzioni che purtroppo sono troppo interessate a discutere sulle intercettazioni, istigazione alla violenza sul web e le auto blu sono un "bisogno" per loro, i costi dovrebbeto iniziare a tagliargli proprio dalle istituzioni, come il numero dei parlamentari, le auto blu, lo stipendio dei parlamentari, l'eliminazione di un bel pò di privilegi per loro... forse però chiedo troppo..."
~~~

'DUCK' (favorevole)
NIENTE DI PIU` GIUSTO
" concordo pienamente con quanto detto nella lettera, anche io come Mauro firmai una petizione online per richiedere un abbassamento dei prezzi per accedere agli autodromi in italia, nulla... la Slovenia si trova troppo distante da casa mia, eppure avrei a disposizione 2 autodromi a ragiovevole distanza da casa mia (Misano e Imola), ma entrambi chiedono delle cifre che praticamente mi mangerebbero lo stipendio di un mese per passarci un weekend come fa Crazyste in America.

alla fine anche io finisco, come tanti altri, con l'andare a correre per strada, ho paura di farlo, spesso mi rendo conto di essere in pericolo di vita, ma la passione ha la vinta su di me e non resisto, ma ve lo giuro, se potessi andare in pista a 100 euro alla giornata, non mi vedreste piú correre per strada

in italia tutti sono troppo avidi, e comunque le passioni delle minoranze non sono rispettate, basti pensare che per andare in pista a Misano bisogna mantenere i silenziatori sulle moto il tutto perché la gente del posto non é disposta a rinunciare a qualche ora di silenzio un paio di giorni la settimana... fate pure, io li ho tolti comunque, non rinuncio alla mia passione per far contenti voi, io mi arrangio per strada, e quando vedo la paletta: do manetta

se un giorno moriró in uno dei tanti incidenti che si leggono su questo giornale, sarà anche per colpa vostra che non mi avete lasciato andare in pista, ma non sentitevi male per me, almeno saró morto facendo ció che mi piace piú di ogni cosa"
~~~

'MARCO' (favorevole)
CONCORDO: LASCIAMOLI CHE SI AMMAZZINO IN PISTA
" Pur non essendo un appassionato di corse, sono svariati anni che sostengo che se le piste fossero accessibili a tutti, non ci si vedrebbe sfrecciare missili accanto alla portiera della macchina mentre si va in montagna, e dai commenti che leggo direi che avevo ragione.

Fosse per me metterei un prezzo fisso a tutte le Piste in Italia: 100 euro per un giorno 50 euro per un pomeriggio"
~~~

'MARY' (favorevole)
DATEGLI LE PISTE, MA IRRIGIDIAMO I CONTROLLI E LE PENE
" Buongiorno,
ho letto con sgomento la lettera: in pratica si asserisce che siccome ci sono limiti di velocità sulle strade, bisognerebbe dare accesso gratuito alle piste, e siccome questo non é garantito, allora si sentono autorizzati ad infrangere la legge.

Ma son rimasta stupefatta dai commenti alla lettera che invece sono tutti pienamente concordi con quanto detto.

Allora mi vien da dire: DATEGLI QUESTE PISTE GRATIS anche una volta alla Settimana, ma la prima volta che Vi becco a correre ancora per la strada come forsennati, non vi ritiro la patente: vi rottamo la moto e vi revoco il permesso a vita di guidarne un'altra!
Cordialmente "
~~~

'GIOVANNI' (favorevole)
GIUSTO ABBASSARE I PREZZI
" Di sicuro sono d'accordo sulla necessità di abbassare i prezzi (comincerei ad andare anche io in pista ogni tanto giusto per provare il fascino della corsa) ma mi chiedo se effettivamente sia una cosa che possa servire.

Secondo me la velocità è una droga, mi spiego.
i primi mesi che andavo in moto avevo quasi il timore di superare i 120 km/h, adesso che con la moto ho confidenza, quando mi trovo a 130 km/h mi sento come se stessi praticamente fermo.
Questo è dovuto all'assuefazione, e credetimi, chiunque superi anche di poco i limiti per le strade ne soffre, un pò per abitudine, un pò per non curanza.

In conclusione, secondo me, avremo una parte di motociclisti come CrazyStyle che si sentirà appagato e non correrà per strada, ed un altra fetta, che si autoconvincerà che andare a 160 in una strada sia tranquillamente alla sua portata visto che in pista riesce a tenere una velocità pari o superiore...

Il vero problema è che non tutti i motoclisti (così come molti automobilisti) non collegano il cervello mentre guidano.... "
~~~

'ANDREA' (contrario)
DOVREI PAGARVI LA PISTA???
" Siete pazzi ?
Perchè la collettività dovrebbe pagare ai motociclisti la pista?
Perchè dovrei pagare ai motocilisti soldi di tasca mia perchè vadino a correre in pista ?
Se vogliono correre che vadino in pista a loro spese !
Se hanno tanti soldi per acquistare una costosissima moto di grossa cilindrata hanno anche i soldi per correre in pista !
Chi non ha soldi non acquista moto in Italia perchè sono molto costose sia da acquistare sia da mantenere .
Se non vogliono spendere soldi che vadino pure ad accopparsi tutti lungo le strade pubbliche non me nè frega niente !
Faccio fatica a mantere la mia auto 899 cc FIAT utilitaria 500 del 1991 con
200.000 mila Km e per risparmiare soldi di manutenzione faccio da solo riparazioni varie sono :elettrauto , gommista , meccanico e il carburatorista
della mia auto .
Sono costretto a viaggiare piano come un vecchio novantenne perchè se vado un pò più forte devo pagare salate multe !
Non posso bere due birre e guidare perchè potrei finire in galera.
E dovrei dare soldi ai ricchi motociclisti perchè possano fare i mone in pista?
Vi drogate ?"
~~~

'MAURO' (favorevole)
SE AVESSI UN FIGLIO... GLIELA PAGHEREI LA PISTA... MA I PREZZI SON PAZZI
" Personalmente non sono uno che ama correre, anzi mi spavento quando vedo gente correre per strada perché ho paura che mi vengano addosso e mi ammazzino.


Devo ammettere però che non ero a conoscienza dei prezzi chiesti dalle piste: io pensavo bastassero una cinquantina d'euro per andare a farsi un pomeriggio in pista, e su questo mi sbagliavo; anche se fossi un appassionato, nemmeno io pagherei 300euro per farmi qualche ora in pista, specialmente considerando che il mio stipendio e` poco piu` del doppio di questa cifra.


Ma mi chiedo: perché le piste in Italia chiedono così tanti soldi ed invece nei paesi vicini a noi come Germania e Slovenia chiedono prezzi inferiori ad un terzo di quelle italiane?


Organizzate una manifestazione, fate una petizione o un referendum e cercate una via legale per chiedere un prezzo giusto, ma per favore smettete di andare ad ammazzare voi stessi ed altri innocenti sulle strade, la vostra vita vale ben di più dei 300 Euro per una giornata in pista... se avessi un figlio comunque, non esiterei a dargli metà della somma purché non vada a correre per strada"
~~~

'KAT' (favorevole)
SENZA TITOLO
" Scusa, ma perchè dici: Dovrei pagarvi la pista?
Non mi pare che qui nessuno chieda di far pagare agli altri l'entrata in pista per i "smanettoni".
CRAZYSTY, propone l'entrata gratuita alle piste una volta al mese (cosa che qui in Italia non potrà mai succedere) oppure di abbassare i prezzi. Se i prezzi sono bassi, stai pur sicuro che ci saranno molti "smanettoni" che ci andranno e quindi i gestori delle piste sicuramente ci guadagneranno. Ma questa proposta resterà un'utopia: è sembre il dio denaro che comanda anche quando si tratta di fare qualcosa che potrebbe salvare delle vite e limitare spese, che questi sì, sono a carico di tutta le collettività.
Poi, concordo anche con Giovanni - ore 15.31 e anche con Mary - ore 15.14 nell'ultima parte. "
~~~

'LORD BYRON' (neutro)
TUTTI VERI MOTOCICLISTI?
" Egr. CrazySte,
ho rinunciato volentieri al coffee break, per leggere integralmente la Sua missiva, i cui contenuti sono molto interessanti e condivisibili.
Tuttavia, per le strade italiane non credo circolino solamente motociclisti "veri" in sella a potenti bolidi.
Per motociclisti veri intendo coloro che in sella ad una moto praticano uno sport, anche se non a livello agonistico.La passione, poi, è altra cosa.
La gran parte di motociclisti, senza riferimento alcuno a i commentatori, credo non possegga né la passione, né lo spirito sportivo nel senso stretto del termine, poiché la moto spesso viene acquistata perché la possiede l'amico, ed insieme fanno il classico giro al mare od in montagna e via dicendo.La moto, pertanto, diventa il mezzo di trasporto quotidiano e non c'è di più ovvio che smanettare, appena si ha qualche centinaio di metri libero, per poter fare un a "tiratina".L'incidente è inevitabile, poiché la strada non perdona.
Conosco diversi "pistaioli" che posseggono moto preparate per correre in pista una volta al mese, ma tengono in garage la moto "stradale" da utilizzare durante la settimana......Il problema sta proprio qui.
Io posseggo un maxiscooter per circolare in città.Le assicuro che l'insidia è sempre dietro l'angolo.
Saluti a Lei ed a gli States."
~~~

'PTV' (contrario)
@ CRAZYSTE
" L'uomo si ritiene migliore degli animali in quanto è in grado di dominare i propri istinti... dare via libera alle piste per sfogare la voglia di velocità significa non essere in grado di dominare un istinto che porta a correr forte, ma significa anche far provare l'ebbrezza della velocità e abituarsi ad essa e poi cercarla anche su strada normale... Correre forte deliberatamente dal mio punto di vista è la stessa cosa di mettersi su una terrazza fronte piazza e sparare a caso sui passanti... oltre alle piste libere creiamo anche delle aree di caccia all'uomo dove serial killer e omicidi vari possano sfogare la loro voglia di sangue?"
~~~

'LEONARDO' (contrario)
TROVIAMO DELLE ALTERNATIVE AL CORRERE!
" I problemi non si risolvono assecondando gli istinti più assurdi. I problemi si risolvono elevando la cultura, che riconosce il diritto di tutti di fare delle scelte consapevoli.

La civiltà è figlia della cultura, non certo dell’istinto e delle passioni che da essa vanno dominati.
Troppo spesso si confonde civiltà con modernità e tecnologia, con questo criterio gli Stati Uniti vengono presi come esempio di civiltà, ma così non è!
Certamente non pretendo di convincere chi non conosce altro!"
~~~


Erano presenti anche dei Post di un certo "ORCOKAN" il quale ha espresso il suo dissenso in maniera volgare e costringendo i moderatore della board del "Gazzettino.it" a moderare i suoi interventi censurandone svariate parole.
I Commenti sono successivamente divenuti una conversazione fra il sottoscritto CrazySte, Leonardo ed OrcoKan sulle differenze legislative fra gli Stati Uniti e l'Italia.

Alla fine della conversazione, escludendo i commenti fuori tema, questo e` quanto ne e` risultato:

SU 13 persone che hanno esposto il loro parere riguardo la mia proposta:

FAVOREVOLI = 8

CONTRARI = 4

NEUTRO = 1


Ritengo che l'avvio di una petizione ed una eventuale Prpoposta di legge per fare normativa tipo quella imposta in Inghilterra dove tutti gli Autodromi sono obbligati per legge a permettere l'accesso ad Auto e Moto una volta al mese a 25 Sterline per una giornata, sia una cosa fattibile ed utile alla societa.

CORDIALI SALUTI

View user profile http://fdoitaliane.forumotion.net

View previous topic View next topic Back to top  Message [Page 1 of 1]

Permissions in this forum:
You cannot reply to topics in this forum